La nostra Consulenza direzionale e strategica si rivolge ai vertici aziendali proponendo un sostegno e un affiancamento altamente professionale e qualificato in quelle scelte che impattano immediatamente e fortemente su quelli che sono i pilastri dell’azienda stessa: stabilità, redditività e continuità dell’impresa. In una parola siamo al fianco degli imprenditori per analizzare e programmare insieme lo sviluppo dell’azienda alla luce delle nuove sfide e delle più recenti opportunità del panorama economico globale e locale.

Per Consulenza direzionale e strategica, ancor più in sintesi, si intende quel percorso di Business coaching 1 to 1 che permette all’imprenditore di impostare con rinnovata stima e fiducia gli asset e le priorità dell’azienda, recuperando i target iniziali con una vision aggiornata, funzionale e vincente.

Gli obiettivi dei nostri servizi di consulenza direzionale e strategica sono quelli di confermare, rinnovare e condividere a tutti i livelli dell’azienda la vision della stessa attraverso una ridefinizione chiara, semplice e snella delle linee strategiche finalizzata a un incremento del business e a un eventuale riposizionamento dell’azienda sul mercato.

I principali strumenti del nostro servizio di Consulenza sono:

La pianificazione e il controllo della gestione di un’azienda sono due fasi logicamente e cronologicamente correlate.

Per pianificazione si intende quella complessa attività che funge da rapporto tra azioni di rilevanza gestionale quali il dimensionamento e la strutturazione operativa, tecnica, produttiva, commerciale e produttiva, la definizione degli obiettivi strategici e di quelli più specifici e, da ultimo e in via consequenziale, l’individuazione delle risorse economiche ed umane funzionali al raggiungimento di tali obiettivi.

La successiva attività di controllo verifica puntualmente lo scostamento tra la pianificazione degli obiettivi e i risultati realmente raggiunti in un determinato margine temporale andando ad indagare su tutte quelle che sono le concause che ne hanno determinato il mancato raggiungimento.

Un controllo di gestione costante e ben organizzato fornisce in corso d’anno la reale la possibilità di attivare i necessari interventi correttivi condizionando quei comportamenti sbagliati dell’azienda sul mercato o dei collaboratori e dipendenti in relazione alle dinamiche interne alla stessa.

Un controllo gestionale ben costruito nei tempi e nei modi, non solo consente di ottimizzare le risorse umane, materiali e finanziarie, ma evita, soprattutto, quei contraccolpi pericolosi (business misfire) che oltre a causare perdite in termini di denaro e competitività, incidono negativamente sulla credibilità dell’imprenditore e sul rating dell’azienda.

La nascita di una nuova impresa o di un nuovo progetto imprenditoriale di un’azienda già costituita necessitano di uno studio di fattibilità in grado di fornire gli elementi utili su cui basare i pilastri dell’attività e della strategia economico-gestionale.

Il nostro servizio assiste, consiglia e affianca materialmente l’imprenditore nella definizione del business plan, lo aiuta a comporlo in maniera analitica e non sommaria andando a prendere in considerazione tutte le fasi di un processo di redazione articolato e meritevole di grande attenzione, competenza, esperienza e professionalità.

Il business plan non è uno strumento statico e deve costantemente prendere in considerazione gli elementi mutevoli interni all’azienda oltreché, in maniera assai attenta e costante, le variabili esogene alla stessa. Aggiornare in maniera sistematica il business plan significa mantenere l’azienda o il progetto imprenditoriale al passo con i tempi, riducendo i rischi latenti dei mercati di riferimenti e mantenendo l’assetto gestionale pronto a prendere delle decisioni in tempi brevi e in modo consapevole.

Un business plan ben redatto e aggiornato significa aggredire il mercato e stare al passo con i tempi.

Appare superfluo porre in evidenza come la ricerca e l’individuazione di fonti di finanziamento sia di vitale importanza per un’azienda che opera in un mercato sempre più concorrenziale.

Analizzare le fonti di finanziamento e credito già attivate dall’azienda, comprendere la reale portata e i vantaggi già espressi nel periodo campione è il primo passaggio obbligato per valutare la correttezza delle linee accese e la reale adesione al fabbisogno dell’azienda.

L’analisi delle fonti di finanziamento e credito è direttamente connessa alla Pianificazione gestionale (di cui alla sezione dedicata) e non può essere una fase né autonoma né slegata dalla valutazione complessiva della struttura organizzativa e patrimoniale, delle esigenze e degli obiettivi strategici dell’azienda.

Il nostro servizio di Analisi delle fonti di finanziamento e credito consente di scindere e confrontare il peso delle fonti cosiddette interne ed esterne andando a misurare il reale fabbisogno dell’azienda e la concreta esigenza di aderire a fonti esterne alla stessa, i relativi costi (sia diretti che indiretti), l’eventuale esposizione e, naturalmente, i vantaggi espressi o auspicati.

L’analisi delle fonti mira inoltre a ricercare e individuare le linee di finanziamento e credito che, nell’equilibrio dettato dalla Pianificazione e dal controllo di gestione nel periodo considerato, meglio si adattano alla forma giuridica dell’azienda e maggiormente apportano valore aggiunto alle attività ordinarie e straordinarie dell’impresa.

Il primo passaggio è sicuramente quello di diversificare l’adesione a linee di finanziamento esterno scindendo il capitale di rischio con il credito ordinario, agevolato e valutando a parte gli eventuali contributi a fondo perduto o in conto capitale. Mai da sottovalutare il cofinanziamento cui spesso le aziende sono soggette in caso di grant finalizzati. Ultima ma non tale, la ricerca di capitale di rischio (equity) che punta a dare maggiore stabilità alle dotazioni al capitale proprio dell’azienda senza andare a richiedere alcuna forma di garanzia reale o di firma.

Le risorse, che siano esse capitale proprio dell’azienda o provenienti da fonti esterne, debbono essere ben spese. Jacques La Palice sarebbe certamente d’accordo ma, in una fase globale e su mercati così complessi come quelli attuali, non sempre una così facile affermazione risulta di altrettanto agevole applicazione.

Le infinite variabili delle forme di investimento, la diversificazione delle fonti di finanziamento e credito, la fiscalità mutevole, l’incertezza normativa, la lentezza burocratica fanno in realtà dell’ottimizzazione delle risorse una delle più rilevanti e determinanti dinamiche all’interno di un’azienda moderna.

L’ottimizzazione delle risorse non può poi prescindere dall’attenta analisi di quelli che sono i costi dell’azienda muovendo da quelli strutturali sino a quelli marginali. Scindendo quelli già contrattualizzati da quelli per così dire liberi. Razionalizzando i costi realmente necessari e rimuovendo quelli che, almeno nel periodo preso in esame, non paiono efficacemente allocati.

Il nostro servizio di Ottimizzazione delle risorse e razionalizzazione dei costi  muove dalla lettura dei bilanci e dal confronto con l’imprenditore che accetta i rischi e assume i costi in funzione della pianificazione degli obiettivi strategici e dei risultati attesi nel periodo indicato.

C’è rete e rete. Il nostro servizio di strutturazione di reti d’imprese, network e partnership non fa confusione e pone l’azienda cliente nelle migliori condizioni per valutare attentamente quale rete sia la più giusta e utile al raggiungimento degli obiettivi prefissati.

La rete d’impresa è quello strumento innovativo e sempre più utilizzato che consente ad aziende diverse di potersi strutturare in forma di aggregazione di imprese senza con questo dover ricorrere a forme di aggregazione societaria.

Di particolare rilievo, visto il carattere di forte interdipendenza formale che si viene a creare tra i nodi (aziende) della rete, è quanto mai importante e dirimente per il successo dell’operazione, avviare un sano studio di fattibilità prima di procedere con la strutturazione della rete. Altrettanto importante, dopo la stipula del contratto di rete, è la gestione della governance al fine di raggiungere nel tempo prestabilito gli obiettivi della rete stessa.

Ma esiste, com’è noto, una diversa rete, ormai comunemente chiamata network. Meno formale della rete d’impresa ma altrettanto importante per i successi di un’azienda. Si tratta dell’insieme di tutti i soggetti che a diverso titolo operano con e per un’azienda. E’ l’intreccio di fili relazionali, anche invisibili, che caratterizzano un’azienda su un territorio, un mercato di riferimento, un target prestabilito.

Il network è, al tempo stesso, strumento prezioso di marketing, agente facilitatore di processi complessi, agorà nella polis di scambio di prodotti e di servizi. Spesso nasce spontaneamente, altrettanto spesso e nella società della comunicazione ancor più di sovente, è necessario un lavoro intenso e costante al fine di costruire un network stabile e funzionale agli obiettivi strategici dell’azienda.

Un terzo modello di rete è la cosiddetta partnership. Una sorta di realtà intermedia tra la rete d’imprese e il network.  Con la partnership, infatti, vengono formalizzati tutti quei rapporti bilaterali o plurilaterali che possono sfociare in collaborazioni o, come avviene normalmente, in contratti di distribuzione agenti, grande e piccola distribuzione.

Si approfondisca, nella sezione Import/export la Strutturazione del network e delle partnership commerciali all’estero.

Siamo consapevoli che spesso la selezione e la gestione di risorse umane idonee alle attività di un’azienda vadano ben oltre l’incrocio e la valutazione dei profili eleggibili. Alcune caratteristiche possono emergere solo con incroci di skills e con tempistiche che un’azienda, da sola, non può certamente permettersi.

Siamo altresì consapevoli che la gestione interna dei profili e delle competenze sia quanto di più delicato per un’azienda. Una pianta organica ben strutturata, figure professionali giuste al posto giusto, un ambiente di lavoro sano e gradevole, un clima generale positivo di condivisione e collaborazione, regole certe ma non opprimenti, sono tutti elementi che fanno delle risorse umane il più grande motore di un’azienda.

Talvolta, situazioni sgradevoli possono incrinare rapporti duraturi da anni o appena avviati. In questi casi è quanto mai opportuno un intervento professionale esterno che possa affiancare l’imprenditore nel recuperare quegli ingranaggi logorati e semplicemente ancora da oliare bene. L’esperienza segna che spesso gli imprenditori sono restii ad acconsentire che altri “entrano” in azienda e conferiscano con i dipendenti. E’ bene ricordare che la nostra struttura opera al fianco dell’imprenditore e per il bene dell’azienda e che spesso, un intervento esterno e con ciò lontano dalle dinamiche negative che si sono prodotte, può ben più e ben prima risolutivo di altri interventi più consapevoli e quindi anche più coinvolti.

La certezza è che una forza lavoro  serena, motivata, emotivamente appagata e soddisfatta non solo opera nel migliore dei modi ma garantisce una fluidità delle attività dell’azienda che altrimenti potrebbero essere rallentate o verificare bruschi interventi da parte di organi terzi.

Anche per questo abbiamo recentemente attivato percorsi per favorire momenti di team building, dalle metodologie più classiche, anche in azienda fino alle opportunità più innovative in mare aperto, in montagna, in luoghi prestigiosi o nel centro cittadino. Attività ludiche, ricreative, che pongono fianco a fianco amministratori, quadri, amministrativi, tecnici e operai al fine di formare il winning 11 del business dell’azienda.

Il Business coaching 1 to 1 e il nostro servizio dedicato a tutte quelle aziende che desiderano investire sui propri amministratori e sui propri dipendenti attraverso il miglioramento delle performance e il sostegno alla gestione emotiva/funzionale delle situazione critiche e stressogene.

Non v’è dubbio che il primo lavoratore cui poter dedicare una o più sessioni di business coaching sia proprio l’imprenditore assieme a quelle figure apicali dell’azienda che detengono la responsabilità del raggiungimento degli obiettivi stilati e formalizzati nel business plan.

Di fatto, grazie al nostro servizio di Business Coaching 1 to 1, si attiva un percorso individuale con l’imprenditore o con il lavoratore tale da associare gli obiettivi dell’azienda con quelli personali attraverso una vera liaison di risultati o, ancora, attraverso pratiche e attività, anche ludico-ricreative, che incidono sulla formazione professionale e sulla stabilità emotiva, sull’aspetto motivazionale delle figure professionali  interessate.

Far convivere metodologie classiche e forme innovative di comunicazione. Per una presenza mediatica equilibrata e di successo. E’ questo lo scopo dei nostri Strumenti di Comunicazione e marketing.

Oltre ai rapporti con le testate giornalistiche maggiormente rilevanti e influenti sull’opinione pubblica di livello nazionale e locale, seguiamo con grande attenzione anche gli organi di informazione tematici e di settore. Siamo coscienti che la carta stampata mantiene un ruolo di preminenza nel panorama degli opinion leader, siamo altrettanto consapevoli che oggi una comunicazione davvero efficace non possa non transitare dai canali virtuali del web 2.0. I social network e tutte e applicazioni mobili attualmente disponibili segnano un cambio di passo irrinunciabili per una comunicazione capillare e che riesce ad intercettare l’interesse e l’attenzione delle giovani generazioni.

E’ anche con questo spirito che, oltre ai rapporti con il delicato mondo dell’informazione, seguiamo con grande attenzione le dinamiche di marketing. Consapevoli che nella vita di un’azienda, di un prodotto o di un servizio ci siano momenti in cui fare la scelta giusta a livello di comunicazione o di marketing può davvero rappresentare quella marcia in più che può marcare la differenza.

Anche per questo siamo attenti alle più recenti e innovative forme di ADV, branding, rebranding compreso quel product placement, sempre più utilizzato dai grandi marchi internazionali e multinazionali nelle più celebri pellicole, serie televisive o shooting e che fanno il giro del mondo.

La fotografia dello stato di salute di un’azienda è dato dalla due diligence, in italiano e in modo riduttivo, dall’analisi dei conti. Qualora un’impresa sia interessata all’acquisizione di un’azienda o di un ramo della stessa dovrà necessariamente attivare il processo di due diligence per acquisire tutte quelle informazioni inerenti la sfera patrimoniale, finanziaria, fiscale, gestionale atte a fornire i giusti elementi per valutare consapevolmente la bontà di un investimento.
Il nostro studio lavora con un team di professionisti in materia di fisco, diritto tributario, diritto contabile, diritto societario e fallimentare per assistere persone fisiche e giuridiche, aziende e professionisti e organizzazioni datoriali nell’articolata e complessa rete normativa relativa a tributi, imposte dirette e indirette e relativi termini di proroga e scadenza.

Dopo una prima valutazione assolutamente gratuita, sarai affiancato dal professionista che, per competenze, formazione ed esperienza, meglio si interfaccia con la tematiche o la problematica evidenziate.

Il nostro team mette al tuo fianco dottori commercialisti iscritti all’albo ODCEC; professionisti iscritti all’INT; revisori contabili iscritti al RRL; avvocati tributaristi.

La Banca, interlocutore prezioso ma anche soggetto che talvolta mette in campo pratiche contra legem ai danni di aziende, professionisti e semplicemente correntisti.

I nostri servizi di consulenza bancaria consentono di assistere l’azienda, lo studio legale o la persona fisica cliente in tutte le fasi di un rapporto con un istituto di credito o finanziario ivi comprese:

  • Analisi rapporto di conto corrente
  • Individuazione dei migliori prodotti finanziari (fondi, azioni, obbligazioni)
  • Sostituzione e rinegoziazione del debito (anche in riferimento alla l. n. 244/2007)
  • Rinegoziazione dei mutui a tasso variabile stipulati prima del 29 maggio 2008 e destinati all’acquisto, costruzione e ristrutturazione della Prima casa.
  • contributi di finanza agevolata e/o a fondo perduto per l’industria, il commercio e l’artigianato (l. n. 140/92; l. n. 215/92; l. n. 488/92; l. n. 598/94; l. n. 449/97)
  • Verifica dell’adesione delle condizioni alle norme antiusura (la l. n. 108/96 e ss. mm.)
  • Redazione di perizie tecniche per fasi giudiziarie o stragiudiziali di procedimenti instaurati o instaurandi (anche come CTP – Consulente tecnico di parte)
  • Determinazione del T.E.G. (tasso Effettivo Globale), individuazione interessi anatocistici e quantificazione anatocismo bancario alla luce della più recente normativa introdotta dalla Legge di Stabilità 2014
Lo studio lavora con uno team di avvocati, giuristi e professionisti per garantire un’ampia copertura delle materie giuridiche, fiscali e contabili:

diritto privato, di diritto del lavoro, diritto di famiglia, eredità, donazioni e testamenti, donazioni, contrattualistica, risarcimento danni, condominio, sinistri stradali, fisco e tasse ma anche diritto penale, societario, commerciale, tributario, bancario, comunitario, doganale e internazionale privato.

Il primo contatto, virtuale e reale, oltre al primo preparere su tematiche e problematiche attinenti alle sfere giuridiche sopra esposte sono assolutamente e sempre gratuiti!